Passo Giau da Cortina d'Ampezzo

1275
Profilo altimetrico Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Profilo altimetrico Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Profilo altimetrico Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
831
punti difficoltà
6.7%
pendenza media
10.9%
i 100 metri più ripidi
15.8km
lunghezza
1061m
ascesa totale

Condividi questa salita

1275

Qualche feedback su questo profilo altimetrico?
Mostra salite nelle vicinanze

Passo Giau da Cortina d'Ampezzo è una salita situata nella regione Dolomiti. Ha una lunghezza di 15.8 km, un dislivello di 1061 metri e una pendenza media del 6.7%. La salita ottiene quindi 831 punti di difficoltà. Il punto più alto è a 2235 metri sul livello del mare. I membri della community Climbfinder hanno condiviso 7 esperienze su questa salita e hanno caricato 20 foto.

Nome della strada: SR48 SP638

Questa è una traduzione automatica, la lingua originale è: Olandese.
In bicicletta su uno dei monumenti del Giro d'Italia da Cortina. I primi chilometri di salita fuori dalla città di partenza sono identici alla salita del Passo Falzarego (vedi Climbfinder). Dopo alcuni tornanti, si lascia la trafficata strada delle Dolomiti N48 girando a sinistra a Pocol. Po... per saperne di più
1%
2%
4%
6%
8%
10%
12%
15%
20%
Clicca sulla salita per la modalità street view
Mostra salite nelle vicinanze

Foto (20)

Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo

Se vuoi caricare le tue foto, devi creare un account. Ci vorrà solo 1 minuto ed è completamente gratuito.

  • Aggiungete le foto delle vostre scalate conquistate.
  • Valuta le salite che hai conquistato
  • Aggiungi le tue salite preferite
Registrati

Hai già un account?

Statistiche

Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Questa salita
Dolomiti
189 salite
Veneto
346 salite
Alpi italiane
1766 salite
Alpi
4860 salite
Italia
4813 salite
Europa
42169 salite
Punti difficoltà
831
posizione
41
53% più facile di
Monte Grappa da Possagno
posizione
41
53% più facile di
Monte Grappa da Possagno
posizione
390
posizione
907
posizione
461
posizione
1416
Pendenza media
6.7%
posizione
110
65% meno ripida di
Gena Alta da Lago del Mis
posizione
167
75% meno ripida di
Muro di Cassone
posizione
1023
75% meno ripida di
Muro di Cassone
posizione
2594
75% meno ripida di
Muro di Cassone
posizione
2025
75% meno ripida di
Muro di Cassone
posizione
10869
77% meno ripida di
Calçada do Rêgo Lameiro
Lunghezza
15.8km
posizione
31
46% più corta di
Passo delle Erbe da Millan
posizione
40
posizione
260
posizione
606
posizione
507
posizione
1885
Ascesa totale
1061m
posizione
27
36% meno dislivello di
Monte Grappa da Cismon del Grappa
posizione
30
36% meno dislivello di
Monte Grappa da Cismon del Grappa
posizione
279
50% meno dislivello di
Colle del Nivolet
posizione
593
50% meno dislivello di
Colle del Nivolet
posizione
375
50% meno dislivello di
Colle del Nivolet
posizione
1081

Classificazione

Salita famosa
Paesaggi mozzafiato
Gemme nascoste
31 tornanti

Condizioni del manto stradale

83% 17% 0%
Sulla base a 6 voti
Condividi la tua esperienza. Com'erano le condizioni del manto stradale?

Traffico

0% 75% 25%
Sulla base a 4 voti
La tua esperienza conta. Quanto traffico hai incontrato durante il percorso?

Tempi

7 km/h 02:15:48
11 km/h 01:26:25
15 km/h 01:03:22
19 km/h 00:50:02

Popolarità

Esperienze (7)

BasR
6 m 5.0
Questa è una traduzione automatica, la lingua originale è: Olandese. Mostra originale

Salita superba e piuttosto dura. Soprattutto i tratti nel bosco danno poche prospettive di sollievo.
Una volta usciti dal bosco si apre la vista su uno dei passi più belli delle Dolomiti (insieme al Passo Sella).
Si parte e ci si diverte,

Schitterende beklimming die behoorlijk zwaar is. Met name de stukken in het bos geven weinig perspectief op verlichting.
Zodra je uit het bos komt krijg je zicht op 1 van de mooiste passen van de Dolomieten (samen met Passo Sella).
Zie af en geniet,

Jari23
8 m 5.0
Questa è una traduzione automatica, la lingua originale è: Olandese. Mostra originale

Il Passo Giau da questo lato può essere diviso in due sezioni. Nel primo chilometro si lascia Cortina d'Ampezzo. Non è troppo difficile. L'asfalto è buono, ma c'è molto traffico. Nel paese di Pocol si gira a sinistra e la strada diventa molto più tranquilla rispetto al percorso che porta in cima al Passo Falzarego. Dopo una breve discesa, inizia la parte difficile del Giau. Le percentuali sono abbastanza costanti in media per chilometro, ma possono variare. Tratti ripidi (10+%) si alternano a tratti più scorrevoli.

De Passo Giau van deze zijde is op te delen in twee stukken. In de eerste kilometer verlaat je Cortina d'Ampezzo. Het is niet al te lastig. Het asfalt is prima, maar er is veel verkeer. In het dorpje Pocol sla je vervolgens linksaf en wordt de weg een stuk rustiger dan de meer doorgaande route naar de top van de Passo Falzarego. Na een korte afdaling begint het lastige stuk van de Giau. De percentages zijn gemiddeld per kilometer vrij constant, maar schommelen wel degelijk. Steile stroken (10+%) worden afgewisseld met meer lopende stukken.

NICOLETTI1963
9 m 5.0 01:51:41 (8.5km/h)

Il passo Giau dal versante di Cortina può essere definita una salita diversificata. Comprende due strade diverse, la Grande Strada delle Dolomiti fino a Pocol, la strada vera e propria del Giau e un collegamento tra le due con 2 chilometri di discesa. Tutti i tratti sono molto diversificati: la strada delle Dolomiti, che normalmente in altre zone è molto regolare (pensate ad esempio al Falzarego da Andraz o anche al Pordoi) deve qui superare nella prima parte degli ostacoli naturali e quindi ha delle variazioni di pendenza proprio prima di Pecol in particolare prima della galleria. La seconda parte ossia la strada del Giau vera e propria è una vecchia strada che è stata successivamente asfaltata ma che presenta un percorso assolutamente non costante a gradoni intervallato da tornanti. Se si è a corto di energie rischia di essere micidiale in quanto a tratti in cui si respira si alternano secche rampe oltre il 10%. Questo vale in particolare nella prima parte che è perlopiù in bosco e non permette di vedere la meta. Gli ultimi 4 km sono invece un po' più umani con meno strappi e alcuni pezzi di riposo. Ma comunque bisogna soffrire fino alla fine! In compenso il panorama è veramente sontuoso in ambo i versanti. Il ristorante in Cima è in uno splendido posto ma è molto caro, se possibile consiglio di scendere un po' e fermarsi in un altro locale.

Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
VDB
9 m 5.0
Questa è una traduzione automatica, la lingua originale è: Olandese. Mostra originale

Ho scalato l'altro versante del Giau due anni fa, ma entrambi i versanti sono molto gratificanti su questa salita iconica. Il carattere è diverso: mentre sull'altro versante è costantemente estenuante intorno al 10%, su questo versante è molto più vario. I tratti pesanti sono intervallati da brevi momenti di recupero. Altrettanto grande è la soddisfazione che si prova in cima con la vista mozzafiato.

Twee jaar terug de andere kant van de Giau beklommen, maar beide kanten zijn erg de moeite bij deze iconische klim. Anders qua karakter, waar het aan de andere kant constant afzien is rond de 10% is het aan deze zijde veel meer afwisselend. Zware stroken worden afgewisseld met korte recuperatiemomenten. De voldoening boven met het prachtige uitzicht is even groot.

Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Sjef
1 a 4.0
Questa è una traduzione automatica, la lingua originale è: Olandese. Mostra originale

Oggi ho fatto questa salita con mia moglie. Si è partiti da Valparego e Falzarego. Siamo d'accordo con Rudi. Questo lato del Giau è conosciuto come il lato più facile. Può darsi che sia così. Ma anche questo lato non è male. Siamo d'accordo con la sua opinione (di Rudi) sopra (sotto?). Le percentuali medie possono essere di 10 o meno, il nostro Garmin ha spesso superato i 12 % dopo il Pocol con un'occasionale eccezione a 17-18 %. Poi si è appiattito nuovamente a 8 %. Qui i veri scalatori si sentono a casa. Anche qui salgono gli ostacoli. Ma il lato facile? Forse per gli scalatori più leggeri.
In cima c'è un accogliente ristorante dove molti mangiano la pasta. E poi la discesa. La discesa è stata terribile per i nostri standard. Non abbiamo recuperato tempo. Pochi i rettilinei. Molte curve cieche.
È bello? Certamente. Dovete sperimentarlo? Sì, è così.
La natura e i panorami sono des Dolomites.
I freni a disco sono d'obbligo.
In vetta non è presente un cartello con la scritta Passo Giau. Bisogna cercare un palo con quel nome

Vandaag deze beklimming gedaan met mijn echtgenote. Gestart via Valparego en Falzarego. Wij zijn het wel met Rudi eens. Deze kant van de Giau staat bekend als de makkelijkere kant. Dat kan zeker zo zijn. Maar deze zijde is ook niet misselijk. Wij onderschrijven zijn (Rudi) mening hierboven (beneden?). De gemiddelde percentages mogen 10 of minder zijn, onze Garmin kwam na Pocol vaak boven de 12 %met een enkele uitschieter naar 17-18%. Daarna weer afvlakkend naar 8 %. Echte klimmers voelen zich hier thuis. Stoempers komen ook boven. Maar makkelijke kant? Voor lichtgewichten misschien.
Boven een gezellig restaurant, waar velen een pastamaaltijd nemen. Om daarna de afdaling te starten. Afdaling was voor onze maatstaven verschrikkelijk. Wij maakten hier geen tijd goed. Weinig rechte stukken. Erg veel onoverzichtelijke bochten.
Is het mooi? Zeker. Moet je het meegemaakt hebben? Ja.
Natuur en uitzichten zijn des Dolomieten
Schijfremmen zijn een aanrader.
Een bord met Passo Giau is op de top niet beschikbaar. Je moet op zoek naar een paaltje met die naam

Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
Passo Giau da Cortina d'Ampezzo
RudiStegen
2 a 5.0
Questa è una traduzione automatica, la lingua originale è: Olandese. Mostra originale

Se si confrontano le due salite nel profilo, quella da Cortina è la più facile. Ma la realtà è un po' diversa. Dove dall'altra parte si può salire quasi costantemente con lo stesso ritmo, da Pocol la percentuale cambia continuamente. Mentre il primo chilometro è pianeggiante e anche leggermente in discesa, dopo di che è solo una questione di cambiare costantemente le marce, si ha la sensazione di scalare una serie di Cauberg in fila. Il mio Garmin indicava regolarmente 12%, brevi tratti ripidi alternati a passaggi leggermente meno ripidi. Molto difficile prendere il ritmo. Questa è più una salita per i pesi leggeri che amano una salita a intervalli. Gli ultimi due chilometri sono di nuovo "normali". Ma se il tempo è buono, è una bella vista, come quasi ovunque in questa regione. Eppure, sicuramente un must se siete nella zona, a seconda di quanto duramente si vuole fare bene a combinare con alcuni altri classici come il Valparola, Falzarego, Fedaia.

Als je de twee beklimmingen vergelijkt in het profiel, is de beklimming vanaf Cortina de makkelijkste. Maar de realiteit is toch een beetje anders. Waar je vanaf de andere zijde bijna gestaag aan het zelfde tempo en in hetzelfde ritme kan blijven klimmen, wisselt het percentage vanaf Pocol continu. Waar de eerste kilometer nog vlak is en zelfs lichtjes bergaf, is het daarna alleen maar een kwestie van voortdurend schakelen, je krijgt het gevoel of je een aantal Caubergjes na mekaar aan het klimmen bent. Mijn Garmin gaf regelmatig 12% aan, korte steile stukjes afgewisseld met iets minder steile passages. Zeer moeilijk om in een ritme te geraken. Dit is meer een klim voor de lichtgewichten die houden van een interval beklimming. De laatste twee kilometer zijn dan weer 'normaal'. Maar als het weer goed is wel een schitterend uitzicht, zoals trouwens bijna overal in deze regio. Toch absoluut een aanrader als je in de buurt bent, afhankelijk van hoe zwaar je het wil maken prima te combineren met een aantal andere klassiekers zoals de Valparola, Falzarego, Fedaia.

patrickbaert
2 a 5.0
Questa è una traduzione automatica, la lingua originale è: Olandese. Mostra originale

In bicicletta su uno dei monumenti del Giro d'Italia da Cortina.
I primi chilometri di salita fuori dalla città di partenza sono identici alla salita del Passo Falzarego (vedi Climbfinder).
Dopo alcuni tornanti, si lascia la trafficata strada delle Dolomiti N48 girando a sinistra a Pocol. Poi è meravigliosamente in discesa per un po' prima di iniziare la continua salita ripida con poche possibilità di recupero su 25 tornanti in un mondo di montagna disabitato.
La prima parte attraverso pendii montuosi densamente boscosi cambia gradualmente in pascoli alpini con mucche e verso la fine sopra la linea degli alberi, la cima arriva in vista tra le rocce.
A parte un caffè/ristorante e una cappella, l'altezza del passo per me offre una delle più belle viste panoramiche delle Dolomiti con la cima del Nuvolau come eye-catcher.
Ci sono marcatori chilometrici che mostrano la distanza dalla cima. Il manto stradale è buono ma a volte c'è il traffico turistico estivo.

Meravigliosa salita in vetta da entrambi i lati!

Eén van de monumenten uit de Giro d'Italia op gefietst vanuit fietsknooppunt Cortina.
Eerste kilometers om vertrekstad uit te klimmen zijn identiek aan de Passo Falzarego klim (zie Climbfinder).
Je verlaat na enkele haarspeldbochten de drukke Dolomietenweg N48 door in Pocol links af te draaien. Dan is het wonderwel even bergaf om daarna te starten met het continue stevige steil klimwerk met weinig recuperatiemogelijkheden over 25 haarspeldbochten in een onbewoonde bergwereld.
Eerste deel door dichtbeboste bergflanken geleidelijk overgaande in alm weiden met koeien en naar het einde toe boven de boomgrens komt tussen de rotsen de top in zicht.
Naast een cafe/restaurant en een kapel biedt de pashoogte voor mij één van de mooiste panoramisch uitzichten van de Dolomieten met de top van de Nuvolau als blikvanger.
Er zijn kilometerpalen met de afstand tot de top. Het wegdek is prima maar er is soms zomers toeristisch verkeer.

Prachtige topklim langs beide kanten!